Furetto Domestico

furetto domestico, mustelidi, animali da compaagnia

Il furetto è un animale della famiglia dei mustelidi che negli ultimi anni – decenni – si continua a conoscerlo sempre più. E pare che i furetti sono sempre più apprezzati!
Sebbene sia nato e lo è ancora nell’istinto, un animale selvatico, possiamo dire che abbiamo saputo addomesticarlo.

Abbiamo trovato il modo di farlo vivere a proprio agio nelle nostre case. Nel frattempo le grandi aziende hanno cominciato a formulare cibi specifici per i furetti. Sebbene ricordiamoci sempre che è un animale carnivoro e che non sdegna un pezzo di carne. Troviamo in commercio pettorine per portarlo al guinzaglio e persino abbigliamento da far indossare al vostro animale. Possono dormire o essere trasportati in gabbiette per gatti.

E per chi non lo sapesse, il furetto può essere trattato alla stregua di un gatto. In quanto è capace di fare i propri bisogni nella lettiera che comunemente usano i gatti.

Tuttavia, un furetto è sempre un animale piuttosto particolare che necessita parecchie attenzioni, almeno all’inizio.
Ricordiamoci sempre che nelle sue vene scorre sangue selvatico, che potete scoprire continuando la lettura.

La storia del furetto

Il furetto è un animale che in precedenza veniva utilizzato dai cacciatori per individuare i conigli e per cacciare i ratti. Tuttavia, il furetto oggi è diventato un animale domestico, soprattutto negli Stati uniti, ma di recente sta diventando anche molto popolare in Europa ed in Italia.

Il furetto è un mammifero e un carnivoro e come il cane, deve essere sottoposto alla vaccinazione contro la rabbia. Esistono due varietà di furetto domestico che si distingue per il colore della loro pelliccia: una è albina con gli occhi rosa, mentre l’altra è di colore camoscio con il muso e la punta dei piedi e della coda neri.

Prima di essere un animale da compagnia, il furetto è stato a lungo utilizzato come animale da laboratorio.
Il furetto misura dai 44 ai 56 cm di lunghezza e il suo peso va dai 600 grammi ai 2 Kg. Il maschio solitamente è grande il doppio rispetto alla femmina.

Come mantenerlo in casa

Habitat: il furetto sopporta grandi variazioni di temperatura ( da 0 a 32 °C ), ma bisogna assolutamente evitare di farlo vivere in un’atmosfera troppo calda poiché soffre facilmente di ipertermia. Può vivere all’esterno o all’interno e può essere tenuto in una gabbia. I cacciatori lo tenevano spesso in una specie di conigliera in fondo al giardino, ma necessita di un riparo tranquillo per dormire. Il suo padrone può istruirlo a fare i suoi bisogni in una lettiera per gatti e potrà anche abituarsi, gradualmente, ad andare in giro al guinzaglio con una pettorina.

Alimentazione: sono in commercio diversi prodotti studiati appositamente per questo animale, ma non sono sempre facili da reperire. Tuttavia, le necessità alimentari del furetto si avvicinano molto a quelle del gatto. Dunque potete nutrirlo con scatole o crocchette per gatti.
Deve poter mangiare quando desidera. Pertanto, andrà lasciato del cibo sempre a sua disposizione. L’alimentazione di base deve essere completata e deve prevedere: carne, fegato, pesce e un po’ di latte.

Riproduzione: i furetti raggiungono la loro maturità sessuale tra i 9 mesi e i 12 mesi. Il maschio si riconosce molto bene per la presenza di 2 testicoli ( che scendono nello scroto nel periodo di riproduzione ) e di un pene. La stagione riproduttiva va da marzo ad agosto.
la riproduzione dei furetti dipende dalla lunghezza dei giorni e dalla durata dell’illuminazione.

Patologie: il furetto può essere vittima di parassiti come: pulci, acari responsabili della scabbia, tigna e allergie della pelle. In questi casi si utilizzano gli stessi prodotti che sono destinati ai gatti. Inoltre, come il cane può essere soggetto alla malattia di Carrè e all’influenza. Sono quasi di prassi, per poter tenere un furetto come animale domestico, dover sottoporre il furetto a due operazioni, che sono la castrazione e l’ablazione delle ghiandole anali.

Comportamento: il furetto è un animale molto socievole e giocherellone e si abitua molto facilmente al contatto con suo nuovo padrone. L’età ideale per acquistarlo è due mesi. All’inizio bisogna sorvegliarlo, poiché è molto esploratore e può infilarsi ovunque, rimanendo vittima di fili elettrici o di altri pericoli domestici. Attenzione ai movimenti bruschi poiché conserva a volte il suo istinto di cacciatore che può portarlo a mordere.

Caratteristiche

Peso: maschio: da 1 a 2,5 Kg; femmina: da 0,5 a 0,9 Kg.
Taglia: da 44 a 56 cm.
Longevità: da 5 a 11 anni.
Alimentazione: 50 g per chilo corporeo al giorno di alimenti secchi.
Acqua: da 75 a 100 ml al giorno.
Maturità sessuale: da 6 a 12 mesi.
Temperatura corporea: da 38 a 40 °C.
Periodo di riproduzione: maschio: da dicembre a luglio; femmina: da marzo ad agosto.
Gestazione: 42 giorni.
Cucciolata: due all’anno, otto piccoli mediamente.
Peso alla nascita: da 7 a 10 g.
Apertura degli occhi: 34 giorni.
Svezzamento: da 3 a 7 settimane.